PROGETTO NELLE SCUOLE:
IL PROGETTO “GIOCO DEL TEATRO”

Percorso teatrale che si svolge durante l'anno scolastico 2013/2014 all'interno delle ore scolastiche e in collaborazione con gli insegnanti dell'istituto Scuola Primaria Villa Torchi.

Non si tratta di un vero e proprio corso di teatro, ma di un laboratorio volto ad aiutare i bambini a superare le proprie timidezze e a socializzare sfruttando i mezzi che il lavoro teatrale mette a disposizione. Lo scopo non è quindi creare nuovi attori, ma mettere a disposizione dell'istituto, degli insegnanti, e soprattutto dei bambini, strumenti di crescita relazionale. Attraverso il "gioco teatrale", gli alunni delle varie sezioni (naturalmente in base alle diverse età) imparano a parlare a voce alta, a raccontare e leggere con espressività, a mettersi in gioco, a saper guardare negli occhi il pubblico, a lavorare in gruppo. È previsto uno spettacolo a fine anno e un aiuto alle maestre nella preparazione del Natale, ma sempre considerando il bambino come centro del laboratorio: lo scopo non è solo mettere in scena un bello spettacolo, ma anche utilizzare il "gioco del teatro" per accompagnare il bambino nella sua crescita, permettendogli di acquisire la consapevolezza delle sue potenzialità e la capacità di divertirsi nel divertire un pubblico.

  • Cos’è il laboratorio teatrale? Il laboratorio teatrale è prima di tutto un luogo di ascolto, dove si promuove il pensiero e la creatività. L’attività teatrale agisce come elemento di sviluppo affettivo-emotivo prevenendo le situazioni di disagio. Il “laboratorio” è uno spazio, un tempo, un modo dove esprimersi, trovare ascolto, avere la possibilità di comunicare, usando soprattutto linguaggi non verbali. È una palestra dove osservare, osservarsi, mettersi in gioco personalmente ed entrare in relazione con i compagni, lavorando sulle proprie modalità di interazione. Nell’esperienza laboratoriale di gruppo ci si allena all’incontro, al confronto, all’apertura e all’ascolto. Attraverso l’improvvisazione (vero motore di un buon lavoro teatrale per i bambini più grandi) si sviluppano la creatività, la capacità di sintonizzarsi e trovare soluzioni nelle più diverse circostanze, la propensione a condividere un progetto espressivo accrescendo sensibilità e flessibilità. Quindi il laboratorio teatrale permette di instaurare relazioni positive con gli altri per il raggiungimento di risultati personali e comuni. A fine percorso il bambino avrà acquisito maggiore autonomia, disinvoltura corporea, proprietà di linguaggio e sicurezza di sé, condividendo le dinamiche di gruppo e portando a termine un suo micro-obiettivo, ovvero la messa in scena di un proprio spettacolo.

  • Come si svolge il laboratorio? Il gioco è il motore dell'apprendimento, e il teatro nasce proprio come attività ludica e didattica che insegna e diverte allo stesso tempo. Il progetto si pone lo scopo di insegnare ai bambini, mediante la formula del gioco, a collaborare per costruire uno spettacolo insieme (“finto” obiettivo che si propone come motivazione al lavoro), sviluppando la loro creatività e mostrando loro l'aspetto costruttivo e divertente del teatro: muoversi nello spazio con ordine, cantare e ballare, conoscere gli oggetti e gli strumenti che serviranno per la scena, rispettare i ruoli ed imparare i diversi tipi di personaggio all'interno di una storia. I bambini hanno la possibilità, giocando, di sentirsi parte della creazione dello spettacolo e di provare l'emozione di rappresentarlo. Il laboratorio permette loro di cimentarsi, oltre che con il teatro, anche con diverse discipline come la motricità per la padronanza e consapevolezza del proprio corpo, la musica, il canto e la danza.

    {oziogallery 177}




    DA SETTEMBRE 2014 IL PROGETTO "IL MUSEO PRENDE VITA" SI FONDE CON "IL GIOCO DEL TEATRO"....